Cesare Anticoli z''l

Il 4 di Sivan 5780 ci ha lasciati Cesare Anticoli Z”L, un uomo generoso e accogliente, che dedicò la sua vita alla sua meravigliosa famiglia, alla sua comunità e alla terra di Israele, paese che amò e che sostenne fermamente fin dalla sua creazione nel 1948.

Affrontare l’assenza di persone come Cesare, che riempiono la nostra vita giorno dopo giorno, risulta estremamente difficile, e solo il loro ricordo può aiutarci ad alleviare il dolore provato.

Io stessa ho avuto l’onore di condividere con Cesare ben dieci anni della presidenza del Keren Hayesod, la quale abbiamo affrontato fianco a fianco, uscendo vincitori da numerose battaglie. Alcune di queste furono la missione per la liberazione di Ehud Goldwasser, un militare israeliano che fu catturato dagli Hezbollah in Israele il 12 Luglio 2006, causando la Guerra del Libano, quella di Gilad Shalit, catturato nel 25 Giugno 2006, e ancora, la campagna di emergenza portata a termine durante la seconda intifada, durante la quale ci recammo in Israele per sostenere e portare solidarietà al paese durante uno dei suoi momenti più bui, rispondendo alle richieste di aiuto provenienti dai nostri fratelli. Ricordo perfettamente la forza e la determinazione con cui Cesare mi sostenne durante la campagna di sensibilizzazione con la moglie di Ehud, diretta a far conoscere al mondo l’esperienza drammatica di questo soldato, o quando insieme pubblicammo il libro in onore di Gilad Shalit, donandolo a tutti i ragazzi delle scuole ebraiche.

Cesare non amava apparire o parlare in pubblico, ma nonostante questo, era sempre presente e con il suo sorriso distinto da lontano mi diceva: “parla tu, io sono con te…”. Combatté a testa alta, costantemente, con l’entusiasmo di un bambino e la forza di un adulto, che credeva fermamente nei valori fondamentali dell’ebraismo. Proprio per questo, infatti, la sua casa accolse per anni politici, opinion makers e gente comune, riuniti in cene e meravigliose serate con l’intento di promuovere la causa di Israele, parlare di verità e giustizia.

Abbiamo perso un grande leader del popolo ebraico. Che il suo ricordo sia di benedizione, per la sua famiglia e per la nostra comunità.

Grazie Cesare.
Johanna Arbib Perugia
Già Presidente del Keren Hayesod Roma
e Già Presidente Mondiale del Board of Trustees del Keren Hayesod

Vai alle pagine dedicate alla memoria

Vai alla Homepage